Feed on
Posts
Comments

Pasqua 2017

Anche quest’anno, come ha fatto ogni anno dal suo insediamento nella diocesi di Ibarra, mons. Maggi ha celebrato la Missa in Coena Domini nel carcere della città, lavando i piedi ai detenuti.
Ci ha inviato queste immagini con gli auguri di Buona Pasqua, che volentieri estendiamo a tutti gli amici e sostenitori.

 

 

Nel pomeriggio del 18 Dicembre 2016 si è improvvisamente verificato il crollo del tetto della cappella vescovile di Ibarra.
Come avevamo già segnalato dopo il recente terremoto, la cappella sembrava aver retto alle scosse, riportando solamente quelli che sembravano essere danni lievi o almeno non gravi.

Dopo aver visto cioè che restava del muro della Capilla Episcopal, il commento del Vescovo, Monsignor Maggi, è stato: “Quest’anno Gesú si é preparato il presepio da solo….”.

In una intervista ha anche dichiarato: “Es un gran dolor para toda la Iglesia de Ibarra y para todos los ciudadanos de esta provincia que se identifican con la Catedral y la Capilla Episcopal como en la expresión de su identidad, de su historia de su fe
(Potete leggerre qui l’articolo pubblicato da El Norte il giorno stesso).

In seguito il Vescovo ha rilasciato una ulteriore intervista a El Norte (foto).

Altri articoli riportano la notizia:
* El Universo
* El Telegrafo

ecuador-terremoto-portoviejo-ansa-apIntestatario:Associazione Pietre Vive Onlus

IBAN:       IT23K0335901600100000069342

Causale bonificoemergenza Ecuador

La rivista Tempi ha intervistato il nostro amico e parroco di Portoviejo Don Francesco Rizzo.

«Non ci è chiesto di sopportare, ma di riconoscere Chi dà senso alle nostre sofferenze. Come hanno fatto le suore che cantavano sotto le macerie»

Ringraziamo la rivista Tempi e rilanciamo il loro articolo ricordando a tutti che è in corso una raccolta d’emergenza per mandare fondi alla popolazione colpita. Tornate a trovarci su questo sito per avere aggiornamenti.

 

 

Aggiornamenti

07/06/2016

Sono iniziate le attività di messa in sicurezza del campanile nella parrocchia dello Spirito Santo – S.Alessandro Martire. E’ il primo intervento che, su richiesta di Don Francesco Rizzo, viene attuato con i fondi della raccolta straordinaria “Emergenza Terremoto Ecuador”.

Altri fondi sono stati utilizzati per opere di primo soccorso nel campo allestito presso l’ex aeroporto, che si trova vicino alla parrocchia.

VOLUNTARIOS/AS DE DIFERENTES PROVINCIAS AYUDAN A LA GENTE DE SAN JOSE DE CHAMANGA , TAMBIEN AYUDA DE PSICOLOGOS 20-04-2016 Agencia (ag-expreso ag-extra ag-quito)

 

 

 

30/04/2016

Secondo Radio vaticana il bilancio delle vittime è di 659 morti ed oltre 17mila feriti. E’ stata avviata la Campagna “Juntos levantemos Ecuador” (Insieme rimettiamo in piedi l’Ecuador), promossa dalla Caritas dell’arcidiocesi di Portoviejo.

Anche le Nazioni Unite (UNHCR) si stanno muovendo, per questo disastro che non trova eco sui grandi canali di comunicazione.

A Ibarra, nel nord dell’Ecuador, si sono sentiti gli effetti. Nelle immagini la Cappella del Vescovado danneggiata e resa inagibile dalle scosse.

 

Precedenti »